Ravioli in panatura di nocciole con fonduta di Raschera

Da brava piemontese, sono cresciuta a suon di ravioli. Potevano essere in bianco, conditi con burro e salvia, con una spolverata di Parmigiano, oppure con ragù, sugo d’arrosto o di funghi…o ancora impiattati dentro ciotoline e ricoperti da una dose generosa di vino rosso, rigorosamente di origine piemontèisa. Insomma, non importa quale fosse il condimento:

Read more